Il blog di Italians for Darfur

mercoledì, ottobre 13, 2010

Sudan, nuovi venti di guerra sempre più forti

Rischio conflitto civile, ma non si 'dimentichi' il Darfur

Crescenti tensioni in vista del referendum per secessione Sud

Roma, 12 ott. (Apcom) - "Il tentato omicidio dell'arcivescovo cattolico di Khartoum, cardinale Gabriel Zubeir Wako, e le dichiarazioni del presidente sudanese, Omar al Bashir, che di fronte al Parlamento ha annunciato che non accetterà un'alternativa all'unità del Paese, sono solo gli ultimi segnali della crescente tensione in Sudan in vista del referendum che deciderà l'eventuale separazione del Sud cristiano dal Nord musulmano nel prossimo gennaio". E' quanto afferma Antonella Napoli, giornalista africanista e presidente di "Italians for Darfur" associazione Onlus che insieme ad altre 24 organizzazioni internazionali ha diffuso nei mesi scorsi un rapporto in cui si denunciava l'impreparazione del Paese africano a questo importante appuntamento elettorale.
"Nonostante gli appelli del presidente Obama e le rassicurazioni, tra gli altri, del ministro degli Esteri Franco Frattini - prosegue la Napoli - che i Garanti dell'Accordo di pace del 2005, tra cui l'Italia, monitoreranno il processo elettorale e il conseguente voto, il timore che possano verificarsi incidenti e violenze è sempre più alto. Gli episodi registrati nelle ultime settimane fanno temere che ci si trovi a cospetto del preludio a un conflitto più cruento e generalizzato".
"Per questo - aggiunge Napoli - è giusto tenere alta la guardia affinché sia scongiurata una escalation degli scontri tra etnie contrapposte in un Paese che ha già pagato un tributo alto con l'ultra ventennale guerra civile tra Nord e Sud".
"Detto questo sarebbe un errore porre in secondo piano il Darfur - sottolinea ancora la presidente di Italians for Darfur - dove si è registrato un aumento delle violenze negli ultimi mesi, aggravando l'insostenibile status quo di oltre 3 milioni di abitanti che sopravvivono solo grazie agli aiuti umanitari. Le ultime notizie che ci arrivano dai nostri partner locali e referenti di Unamid evidenziano che, nonostante non sia più in atto una guerra su vasta scala, la situazione rimane estremamente problematica ed è destinata a peggiorare se la comunità internazionale distogliesse l'attenzione da questa crisi.
"Sia da monito - conclude la Napoli - ciò che è avvenuto dopo la firma del Comprehensive Peace Agreement: tutti gli sforzi e le attenzioni furono concentrati sul Darfur lasciando in tal modo il Sud a se stesso. Ora il dipanarsi del CPA e il conto alla rovescia per il referendum stanno spostando l'attenzione dalla regione occidentale del Sudan a favore del Meridione, ripetendo così gli stessi errori e ottenendo lo stesso tragico risultato: il definitivo tracollo umanitario della regione".

1 Comments:

  • Hi,
    I would like to thank you for the hard work you have made for this blog. I truly like this..
    I have added your blog to My Blog---Friends Blog area
    http://auto-transports.blogspot.com/. So would
    You put my blog as well; our visitors can get virtual and useful information from your site.
    I will hope you will add my blog.
    Thanks

    By Blogger Stalin Princes, at 8:18 AM  

Posta un commento

<< Home