Il blog di Italians for Darfur

martedì, novembre 20, 2007

Il Comune di Barletta vicino al Darfur

Entro la fine del mese di Novembre il Consiglio Comunale di Barletta(Bari) approverà una risoluzione in cui viene chiesto al governo italiano maggior impegno nel cercare una via di uscita per il conflitto in Darfur. Ovviamente questa sarà anche un'importante occasione per sensibilizzare l'opinione pubblica e informarla di quanto sta accadendo da ormai oltre quattro anni nella martoriata regione sudanese.Il testo della suddetta risoluzione è stato curato da Italians for Darfur in collaborazione con Rocco Dileo, consigliere del Partito Socialista nonchè firmatario della risoluzione .Un ringraziamento particolare va anche al meetup Amici di Beppe Grillo di Barletta che promuove la campagna per l'informazione sul Darfur di IB4D.
L'auspicio è quello che anche altri comuni possano utilizzare questo importante mezzo a loro disposizione,in modo da non lasciare isolato l'appello della comunità barlettana e rendere la questione Darfur di primaria importanza nelle attività del Governo italiano.

Etichette: , ,

2 Comments:

  • Antefatto su www.infoaut.org

    21 novembre-Aggiornamento: l'assesore Borgione rifiuta di incontare i profughi e il Comitato di Solidarietà

    L'Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Torino Marco Borgione, ha reso noto oggi di rifiutare qualsiasi incontro con i rifugiati occupanti la palazzina di via Bologna e i co-promotori dell'occupazioni auto-organizzatisi in Comitato di Solidarietà con Profughi e Migranti.

    A guidare la scelta dell'assessore, la volontà di non "creare un pericoloso precedente che aumenterebbe le ondate migranti in direzione Torino" e che il Comune di Torino intende affronatere il problema "nei suoi tempi e nei suoi modi, senza uscire dal quadro dell'emergenza-freddo". Approccio consueto delle amministrazioni comunali delle metropoli europee, per mezzo del quale un nodo politico imprescindibile della modernità post-coloniale viene deferita a problema "tecnico" di gestione asssistenziale (se non fa tanto rumore) o peggio, "ordine pubblico" (quando alza la testa).

    Ancora una volta, l'amministrazione comunale palesa una volontà politica di sanzionamento della solidarietà attiva, quella solidarietà che in questi giorni ha mobilitato decine di cittadin* che hanno risposto all'appello del Comitato.
    ________________________

    Il Comitato di Solidarietà ribadisce la propria ferrea volontà di continuare la battaglia a fianco dei profughi e dei migranti che hanno scelto la strada della lotta collettiva.
    Riaffermano il mantenimento dell'occupazione di via Bologna e ri-lanciano l'appello a quanti e quante possano-vogliano continuare a sostenere concretamente questa lotta per i diritti con aiuti, sostegno, solidarietà.

    Comitato di Solidarietà con Profughi e Migranti.

    AAA:C'è ancora bisogno di generi di prima necessità e cibo; la lotta è lunga e bisogna incominaciare a pensarla in termini medio-lunghi.

    By Anonymous Comitato di Solidarietà con i Profughi, at 3:09 AM  

  • ottima l'iniziativa di Barletta.Vedrò di proporla anche a Mola

    By Anonymous Giuseppe C., at 9:45 AM  

Posta un commento

<< Home