Il blog di Italians for Darfur

venerdì, luglio 22, 2016

Il Governatore del Nord Darfur dispiega forze speciali

Un funzionario del Governo dello Stato del Nord Darfur ha affermato che sono state dispiegate delle forze speciali per proteggere i raccolti per la stagione agricola.

Nella stagione delle piogge molte località e aree nel Nord Darfur sono testimoni di scontri tra i pastori e la comunità degli agricoltori. Le tensioni sono sorte a causa della necessità dell'accesso alle risorse per il pascolo.

Durante la stagione delle piogge, i pastori lasciano pascolare il proprio bestiame sui campi coltivati. La distruzione dei raccolti e dei terreni agricoli spinge i contadini a cercare vendetta contro i greggi dei pastori.


Etichette: , , ,

mercoledì, luglio 20, 2016

Presunto ex-capo Janjaweed chiede riconciliazione in Darfur

Il capo del clan Mahameed, Musa Hilal, ha invitato la comunità dei darfuriani all'unione e di rinunciare alla violenza per raggiungere lo sviluppo, la riconciliazione e la stabilità della Regione.

Hilal è diventato famoso per essere stato il capo dei Janjaweed durante il conflitto in Darfur nel 2003. Egli è accusato da molti gruppi per i diritti umani di aver condotto una campagna di terrore contro le tribù africane del Darfur.

Nonostante le accuse, Hilal ha negato ogni colpa ed ha informato Human Rights Watch (HRW) di aver reclutato milizie solo per conto del Governo centrale del Sudan.

Martedì, Hilal è arrivato nella Capitale del Nord Darfur, El-Fasher, dove ha incontrato il governatore Abdel-Wahid Youssef ed ha descritto il meeting un "incontro sociale".

Infine, ha sottolineato di essere giunto nel Nord Darfur per pregare per i morti, indicando che sta adottando un programma sociale per "unificare le persone".

Etichette: , , , ,

martedì, luglio 19, 2016

I gruppi del Sudan Call arrivano a Parigi

I gruppi del Sudan Call sono arrivati a Parigi, dove hanno avviato discussioni cruciali per il Roadmap Agreement dell'Unione Africana e le strutture politiche dell'opposizione.

Diversi delegati dei gruppi di opposizione e della società civile sono arrivati da Khartoum, nonostante l'assenza di alcuni partiti delle Forze Nazionali del Consenso e del suo leader Farouk Abu Issa, che aveva annunciato la sua partecipazione.

Sadiq al-Mahdi, Capo del Partito Nazionale dellUmma, è arrivato a Parigi a guida di una grande delegazione tra cui il suo vice Merriam al-Mahdi ed il segretario generale del Partito Sarah Nugud Allah. Le delegazioni del Movimento per la Liberazione del Popolo del Sudan, il Movimento per la Giustizia e l'Uguaglianza sono presenti, mentreMinni Minnawi, Capo di una fazione del Movimento per la Liberazione del Sudan, parteciperà alla riunione di martedì.

http://www.sudantribune.com/spip.php?article59667

Etichette: , , , ,

domenica, luglio 17, 2016

Le forze di opposizione si incontreranno a Parigi

L'ombrello dell'opposizione delle forze del Sudan Call terranno un incontro a Parigi dal 18 al 23 luglio per discutere la sua struttura, il Roadmap Agreement ed il coordinamento con le altre forze di opposizione.

Il "Sudan Caal", istituito ad Addis Abeba il 3 dicembre 2014, comprende il Partito Nazionale dell'Umma (NUP), il Fronte Rivoluzionario Sudanese (SRF) e le Forze del Consenso Nazionale e l'Iniziativa della Società Civile (CSI).

In una dichiarazione estesa ai media, il Partito Comunista Sudanese (SCP) ha affermato che non parteciperà alla riunione di Parigi, indicando che le Forze del Consenso Nazionale non hanno preso una decisione collettiva per quanto riguarda la partecipazione dell'alleanza nel corso della riunione.

Etichette: , ,

venerdì, luglio 15, 2016

Il Governo sta prendendo misure contro i terroristi

Il Ministero dell'Interno sudanese,  Ismat Abdel Rahman Zein al-Abdin, ha rivelato che i gruppi radicali hanno lavorato per reclutare cittadini in alcuni Stati del Darfur.

Il Ministero degli Interni ha affermato che sta tentando di controllare le attività di questi gruppi radicali.

Al-Abdin ha sminuito la possibile diffusione di gruppi radicali nel Paese, sottolineando che il suo Governo sta prendendo le misure necessarie per frenare le loro attività.

Lo scorso marzo, la fazione del Movimento per la Liberazione del Sudan-Minawi aveva comunicato di aver rilevato la presenza di "elementi jihadisti" di 700 persone che hanno raggiunto la Regione - soprattutto nella parte settentrionale del Darfur- dalla Libia e Mali.

http://www.sudantribune.com/spip.php?article59621

Etichette: , , , ,

giovedì, luglio 14, 2016

Il presidente Al-Bashir parteciperà al summit dell'Unione Africana in Rwanda

Il presidente sudanese Omer al-Bashir si recherà in Rwanda il prossimo sabato per partecipare al summit dell'Unione Africana a Kigali.

Il vertice dell'Unione Africana si svolgerà nella capitale ruandese Kigali dal 10 al 18 luglio 2016.

Al-Bashir aveva già partecipato al vertice dell'Unione Africana in Sudafrica nel giugno 2015, anche se il Sudafrica è un membro della Corte Penale Internazionale (CPI). Un tribunale locale aveva ordinato di impedirgli di lasciare il paese, ma il Governo di Johannesburg aveva facilitato il suo ritorno in Sudan.

Nel maggio di quest'anno, al-Bashir ha visitato l'Uganda ed il Gibuti, anch'essi Stati membri della Corte Penale Internazionale istituita dallo Statuto di Roma.

Etichette: , , ,

lunedì, luglio 11, 2016

Ottimi risultati dopo il dispiegarsi di forze di sicurezza nel Sud Darfur

Il Governatore del Sud Darfur ha detto che la situazione della sicurezza negli ultimi dieci giorni è migliorata  dopo il dispiegamento di forze aggiuntive per frenare gli attacchi criminali da parte di bande armate.

L'aumento delle rapine a mano armata e la violenza criminale a Nyala, principale città commerciale nella Regione del Darfur, ha spinto le autorità statali a schierare più truppe nella città soprattutto durante il periodo di fine Ramadan, momento di picco per i rivenditori.

Durante l'Eid al-Fitr (festa di fine Ramadan), il Governatore del Sud Darfur, Adam al-Faki, ha sottolineato che il suo Governo vorrebbe continuare ad attuare le misure di sicurezza per porre fine alle attività criminali che si sono susseguite negli ultimi anni nelle principali città dello Stato.

Etichette: , , , ,

Pastori attaccano alcuni agricoltori nel Nord Darfur

Un gruppo di pastori armati ha attaccato alcuni agricoltori nella località di Kutum, circa 100 chilometri a ovest della capitale del Nord Darfur, El Fasher . Molte persone sono rimaste ferite durante l'incidente.

Il Commissario di Kutum, Adam Awad al-Karim, ha confermato che alcuni pastori armati hanno fatto appositamente pascolare i loro animali negli allevamenti nella zona di Fatbrino, nella località di Kutum.

Il Commissario ha detto che i pastori hanno aperto il fuoco ferendo anche un buon numero di persone quando i contadini tentavano di proteggere le loro coltivazioni.

Etichette: , , ,

giovedì, luglio 07, 2016

Il Nord Darfur chiede ad UNAMID di cacciare i ribelli dai campi per rifugiati

Il Governo del Nord Darfur ha esortato la Missione ibrida di Peacekeeping (UNAMID) di prevenire la presenza dei ribelli e di armi nel campo di Sortoni, avvertendo che potrebbero usare la forza contro i gruppi armati ed utilizzare i civili come scudi umani.

Il campo di Sortoni, che si trova nei pressi di un sito UNAMID nel Nord Darfur, è diventato il rifugio principale per gli sfollati fuggiti ai recenti combattimenti nella zona di Jebel Marra tra le forze governative ed i ribelli dello SLM-AW. Il Governo cerca di evitare la politicizzazione del campo e prova rapidamente a reinserire i rifugiati nei propri villaggi.

L'esercito sudanese dice che le sue truppe hanno ripreso tutte le aree controllate dai ribelli nel Jebel Marra, a seguito di una campagna di quattro mesi contro le postazioni dei ribelli.

In una riunione congiunta tra il Comitato per la iscurezza dello Stato ed il Commando delle Forze di Pace UNAMID nel Darfur, presieduto dal Vice Comune Rappresentante Speciale e dalla signora Bintou Keita, il Governatore del Nord Darfur, Abdel-Wahid Youssef, si è denunciata la presenza di ribelli del Movimento per la Liberazione del Sudan - Abel-Wahid al-Nur (SLM-AW), nel campo per sfollati di Sortoni.

Etichette: , , , ,

mercoledì, luglio 06, 2016

Il Sudan Call potrebbe firmare il Roadmap Agreement

Il Leader del Partito Nazionale dell'Umma (NUP), al-Sadiq al-Mahdi, ha detto che i gruppi di opposizione delle forze del Sudan Call firmeranno, probabilmente, il Roadmap Agreement dopo un incontro che dovrebbero tenere ad Addis Abeba nel corso dei prossimi giorni.

Lo scorso marzo, il Gruppo di Attuazione di Alto Livello dell'Unione Africana (AUHIP) aveva proposto il Roadmap Agreement per il Governo sudanese de alcuni gruppi di opposizione tra cui il NUP, il Movimento per la Liberazione del Popolo del Sudan.Nord, il Movimento per la Giustizia e l'Uguaglianza ed il Movimento per la Liberazione del Sudan-Minni Minnawi.

Tuttavia, solo il Governo di Khartoum aveva firmato il testo quadro mentre i quattro gruppi d'opposizione lo avevano declinato il testo, affermando che il Roadmap Agreement potrebbe reiterare nel tempo il Governo giovando solo ad esso e non al Paese.

Etichette: , ,

martedì, luglio 05, 2016

Ribelli del Darfur chiedono ad UNAMID di monitorare la cessazione delle ostilità

Una fazione del Movimento per la Liberazione del Sudan ha proposto che l'accordo di cessate il fuoco nel Darfur venga monitorato dalla Missione Ibrida di peacekeeping (UNAMID) per consentire l'accesso umanitario nella zona di Jebel Marra.

Durante i mesi scorsi, la zona montuosa del Darfur ha assistito ad aspri combattimenti tra le forze governative ed il Movimento per la Liberazione del Sudan-Abdel Wahid al-Nur (SLM-AW), provocando massicci spostamenti di civili nella regione, mentre altri sono rimasti in zone isolate senza accesso umanitario.

Il Capo del Consiglio di Transizione del Movimento per la Liberazione del Sudan-Esercito (TCSLM), Nimir Abdel Rahman, ha detto che la tregua unilaterale del Governo dovrebbe essere seguita da un vero e proprio accordo tra le parti in conflitto e da un comitato di sorveglianza composto dai peacekeepers dell'UNAMID.

In una dichiarazione estesa ai media, Abdel Rahman ha riferito che tale accordo aprirà la strada a dei corridoi umanitari permettendo di raggiungere le zone colpite sul Jebel Marra.

Etichette: , , , ,

lunedì, luglio 04, 2016

SPLM-N nega riavvicinamento con il Governo per discutere delle Due Aree

Il Movimento per la Liberazione del Popolo-Nord (SPLM-N) ha negato che è stata fissata una data per riprendere i colloqui con il governo sudanese per le Due Aree.

Il Sud Kordofan ed il vicino Stato del Nilo Azzurro sono teatro del conflitto violento tra lo SPLM-N e l'esercito del Sudan dal 2011.

Lo scorso dicembre, i negoziati tra Khartoum e lo SPLM-N sono entrati in fase di stallo dopo che la delegazione del Governo insisteva che l'obiettivo dei negoziati è quello di risolvere il conflitto nelle Due aree, mentre il team dello SPLM-N chiedeva un approccio olistico per risolvere i conflitti in corso in tutto il Sudan .

Sabato, il membro della squadra dei negoziati del Governo, Hussein Karshoom, ha rivelato che si incontrerà con il Capo Mediatore africano, Thabo Mbeki, dopo l'Eid al-Fitr (la festa di fine Ramadan) per discutere gli ultimi sviluppi in merito al Roadmap Agreement.


Etichette: , , , ,

venerdì, luglio 01, 2016

Al-Bashir incontra Rappresentante dell'ONU e dichiara di voler cooperare

Il presidente Omer al Bashir ha ricevuto la Coordinatrice Interna delle Nazioni Unite residente per gli Affari Umanitari in Sudan, Marta Ruedas, presso la Residenza del Presidente della Repubblica.

Durante l'incontro di 30 minuti, la Coordinatrice delle Nazioni Unite, nominata per questa posizione il 16 agosto 2015, ha ufficialmente presentato le sue credenziali al presidente sudanese.

In una dichiarazione estesa ai media dopo la riunione, Ruedas ha dichiarato: "Al Bashir ha dichiarato che il Sudan ha l'intenzione di cooperare con le Nazioni Unite su molti fronti proposti dalla nostra Organizzazione".

Ruedas ha aggiunto che si è, anche, discusso delle attuali sfide delle Nazioni Unite in Sudan e delle possibili opportunità di sviluppo che si potrebbero avere nel Paese.

Etichette: , , ,

giovedì, giugno 30, 2016

Khartoum informa gli USA di voler rifiutare il documento supplementare dell'opposizione

Il Governo del Sudan ha detto all'Inviato Speciale degli Stati Uniti per il Sudan ed il Sud Sudan, Donald Booth, che rispetterà il Roadmap Agreement per la pace e il dialogo, ma rifiuta l'accordo integrativo proposto dall'opposizione.

Lo scorso marzo, il Gruppo di Attuazione di Alto Livello dell'Unione Africana (AUHIP) aveva proposto un Roadmap Agreement per il Governo sudanese ed alcuni gruppi di opposizione tra cui la il Partito Nazionale dell'Umma, il Movimento per la Liberazione del Popolo del Sudan-Nord, il Movimento per la Giustizia e l'Uguaglianza ed il Movimento per la Liberazione del Sudan-Minni Minnawi.

Tuttavia, solo il governo di Khartoum aveva firmato il testo quadro mentre i quattro gruppi lo avevano declinato, sottolineando che l'accordo sosterrebbe soltanto la sopravvivenza del Governo.

A seguito di un incontro ad Addis Abeba con Booth, il 18 giugno, i gruppi di opposizione hanno affermato che avrebbero consegnato un documento supplementare per Mbeki ed hanno promesso di riconsiderare il loro rifiuto del Roadmap Agreement se venisse rivisto in alcune sue parti e garantisse un serio e produttivo dialogo.

Etichette: , , , ,

mercoledì, giugno 29, 2016

L'opposizione denuncia i continui arresti di attivisti

Le forze di opposizione del Sudan hanno condannato il susseguirsi degli arresti di attivisti della società civile del Centro per la Formazione e lo Sviluppo Umano (Tracks).

Il 22 maggio, otto attivisti di Tracks sono stati arrestati dopo che erano stati convocati dal'Ufficio del procuratore. Sono stati accusati di crimini contro lo Stato da parte del National Intelligence e Security Services (NISS).

Cinque degli attivisti sono stati in seguito rilasciati mentre tre di loro sono ancora in stato di detenzione.

In una dichiarazione estesa ai media, diverse alleanze dell'opposizione, forze armate ed organizzazioni della società civile, tra cui le Forze Nazionali del Consenso, il Movimento per la Liberazione del Popolo del Sudan-Nord, il Partito Nazionale dell'Umma, il Movimento per la Liberazione del Sudan guidato da Abdel-Wahid al-Nur, il Movimento per la Giustizia e l'Uguaglianza, l'Iniziativa della Società Civile, il Movimento per il Cambiamento Ora ed il Forum delle Organizzazioni della Società Civile in Darfur hanno denunciato la detenzione dei dipendenti di Tracks.

Etichette: , , ,