Il blog di Italians for Darfur

lunedì, agosto 29, 2016

Recente rapporto USA: crisi economica legata al genocidio in Sudan

Un nuovo rapporto del Progetto "Enough" che ha sede negli Stati Uniti ha informato che la grave crisi economica è diventata la più grande vulnerabilità per il regime sudanese ed ha permesso al governo degli Stati Uniti di guidare gli sforzi per sostenere un accordo di pace inclusivo nel Paese.

Il rapporto "Il Tallone d'Achille dell'Economia di Khartoum: l'intersezione della guerra, il profitto e l'avidità", spiega come la crisi economica in Sudan è stata aggravata dalle sanzioni imposte al Paese dal 1997.

Esso aggiunge che la comprensione delle debolezze economiche del Governo permetterebbe ai politici di combattere quei funzionari sudanesi che secondo il rapporto "hanno orchestrato gli atroci crimini su larga scala ed i furti in Sudan".

Etichette: , , ,

venerdì, agosto 26, 2016

Incontro tra Sudan ed USA sulle relazioni bilaterali

Il Ministro degli Esteri sudanese, Ibrahim Ghandour, ha discusso con il Segretario di Stato degli Stati Uniti, John Kerry, sulle relazioni tra i due Paesi e gli sviluppi recenti in Sudan e nella regione.

L'incontro, che ha avuto luogo nella capitale del Kenya, Nairobi, arriva due giorni dopo che il Capo della diplomazia degli Stati Uniti ha incontrato i cinque Ministri degli esteri del blocco regionale dell'IGAD per discutere la situazione in Sud Sudan.

In un comunicato stampa esteso ai media, il Ministero degli Esteri del Sudan ha informato Kerry sullo stato di avanzamento del processo di dialogo nazionale, sottolineando la partecipazione delle forze politiche, sociali ed armate al fine di raggiungere un consenso nazionale che raggiunga la sicurezza e la stabilità nel Paese.

Etichette: , , ,

giovedì, agosto 25, 2016

Passi importanti verso la pace tra tribù nel Kordofan Occidentale

La conferenza di riconciliazione tra le tribù Rizeigat del Darfur ed un clan della tribù Ma'alia, noto come Agarba, ha preso il via mercoledì nella città dello Stato del Kordofan Occidentale di Al-Muglad.

La conferenza, che si terrà sotto l'egida degli Stati del Kordofan Occidentale e del Darfur Est, ha lo scopo di risolvere il conflitto di lunga data tra le tribù Rizeigat e gli Agarba.

La prima sessione della conferenza si è tenuta alla presenza del Ministro della Camera del Governo federale e del rappresentante della Presidenza, Faisal Hassan Ibrahim.

Da parte sua, il capo della delegazione degli Agarba, Muslim Saeed, ha detto che è venuto alla conferenza con la volontà di aprire un nuovo capitolo nei rapporti con i Rizeigat. D'altra parte, il rappresentante dei Rizeigat, Mahmoud Khaled Mohamed, ha affermato che è giunto il momento di risolvere le prolungate divergenze fra le due tribù.

Etichette: , , , ,

mercoledì, agosto 24, 2016

Deportati 40 sudanesi da Ventimiglia a Khartoum: a rischio le loro vite

Le autorità hanno DEPORTATO 40 cittadini sudanesi dopo essere stati rastrellati da Ventimiglia ed essere stati imbarcati su un volo partito alle 12.45 dall'aeroporto di Torino e diretto a Khartoum, Capitale del Sudan.

Sottolineiamo che si tratta di una DEPORTAZIONE DI MASSA verso un Paese dove i diritti umani vengono sistematicamente violati e dove queste persone, in particolare, potrebbero rischiare le proprie vite.  

Italians for Darfur ringrazia il Senatore della Repubblica italiana, Luigi Manconi, per mantenerci aggiornati sulla situazione che è avvenuta a Ventimiglia nella giornata di oggi.

Etichette: , , ,

martedì, agosto 23, 2016

L'Ambasciatore britannico si vede fiducioso per un accordo fra le parti in conflitto

L'Ambasciatore britannico in Sudan ha espresso ottimismo che il Governo ed i gruppi ribelli sudanesi potrebbero raggiungere un accordo nel prossimo round di colloqui per una tregua umanitaria.

I movimenti armati in Darfur, Sud Kordofan e del Nilo Azzurro non sono riusciti a raggiungere due accordi in materia di cessazione delle ostilità e di accesso umanitario, visti come passo importante prima di impegnarsi in colloqui politici in vista di una conferenza costituzionale inclusiva.

Il movimento armato coinvolto nel processo di trattative mediato dall'Unione africana sono il Movimento per la Liberazione del Popolo del Sudan-Nord (SPLM-N), il Movimento per la Liberazione del Sudan-Minni Minnawi (SLM-MM) ed il Movimento per la Giustizia e l'Uguaglianza (JEM).

http://www.sudantribune.com/spip.php?article60013

Etichette: , , ,

lunedì, agosto 22, 2016

Al-Bashir elogia l'Esercito del Sudan nonostante le critiche

"Le Forze Armate del Sudan (SAF) non si sono tirate indietro e non hanno deluso il popolo del Sudan, nonostante la malizia e le cospirazioni contro il Sudan", ha detto il presidente Omer al-Bashir.

Al-Bashir ha parlato durante le celebrazioni per il 62 ° anniversario dell'esercito sudanese a Khartoum, due settimane dopo il fallimento dei colloqui di pace con i gruppi ribelli negli Stati del Sud Kordofan e del Nilo Azzurro e nella regione del Darfur.

In presenza del Ministro della Difesa, Awad Ibn Ouf, e del Capo di Stato Maggiore Generale, il Presidente ha elogiato ulteriormente il ruolo dei militari nel difendere il Paese ed ha apprezzato la loro partecipazione alle operazioni regionali.

Etichette: , , , , , ,

giovedì, agosto 18, 2016

Sud Kordofan e Nilo Azzurro affetti da gravi problemi umanitari

La Residente e Coordinatrice Umanitaria delle Nazioni Unite in Sudan, Marta Ruedas, ha detto che le aree del Sud Kordofan e del Nilo Azzurro sono affette da gravi problemi umanitari che richiedono un intervento urgente.

Dal 2011, il Sud Kordofan ed il vicino Stato del Nilo Azzurro sono teatro di un conflitto violento tra il Movimento di Liberazione del Popolo del Sudan-Nord (SPLM-N) e l'esercito sudanese.

In una conferenza stampa tenuta a Khartoum, in occasione della Giornata Mondiale Umanitaria, Ruedas ha evidenziato la situazione umanitaria in Sudan e gli sforzi esercitati dai gruppi internazionali di aiuto per affrontarla.

Etichette: , , ,

mercoledì, agosto 17, 2016

Il Ministro degli Esteri nega arresto di darfuniani

Il Ministro degli Esteri del Sudan, Ibrahim Ghandour, ha negato l'arresto di alcuni abitanti del Darfur durante l'incontro con l'Inviato Speciale degli Stati Uniti per il Sudan ed il Sud Sudan nel corso di una recente visita nella regione del Darfur.

Venerdì scorso, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha rilasciato una dichiarazione che condanna l'arresto di 15 persone, tra cui un impiegato locale del Darfur di UNAMID, dopo l'incontro con l'ambasciatore Donald Booth che aveva visitato gli Stati del Darfur Centrale e Nord dal 26 al 28 luglio.

I leader ed i rappresentanti degli sfollati locali arrestati hanno informato il diplomatico statunitense sulle atrocità commesse dai miliziani del Governo sudanese durante i loro attacchi contro le postazioni dei ribelli nel Jebel Marra all'inizio di quest'anno.

Etichette: , , ,

domenica, agosto 07, 2016

Il Governo del Sudan spinge per una strategia di uscita di UNAMID

Il Governo del Sudan ha rinnovato la propria volontà per implementare un'uscita graduale e regolare per la Missione di pace ibrida in Darfur (UNAMID).

Il Sottosegretario del Ministero degli Esteri, Abdel-Ghani al-Naem, ha discusso con la collaborazione Vice Rappresentante Speciale della Missione Ibrida UA-ONU, Geremia Mamabolo della cooperazione tra il Governo sudanese ed UNAMID.

In un comunicato stampa esteso ai media, al-Naem ha espresso la volontà del suo Governo di voler continuare a cooperare con UNAMID in tutti gli aspetti, tra cui l'implementazione di una strategia di uscita armoniosz e progressiva in base ai meccanismi concordati.

Etichette: , ,

giovedì, agosto 04, 2016

Lo staff nazionale di UNAMID in sciopero

Il rappresentante di quasi 3000 dipendenti sudanesi della Missione Ibrida di Pace in Darfur (UNAMID) ha detto che lo sciopero a tempo indeterminato continuerà fino a quando la sede centrale delle Nazioni Unite si impegnerà per iscritto a realizzare le loro richieste.

Dallo scorso giovedì, i membri dello staff nazionale di UNAMID sono andati in sciopero a causa di un presunto mancato pagamento delle prestazioni dovute. Inoltre, chiedono di ricevere tutti gli aumenti in sospeso, tra cui l'indennità di rischio, per essere in accordo con l'aumento delle retribuzioni nel periodo 2012-2015.

Il Capo dell'Unione dello Staff Nazionale di UNAMID, Khalil Tkras, ha informato che i lavoratori sono determinati a continuare le loro rimostranze sottolineando che "si tratta del primo sciopero nella storia delle Nazioni Unite che è durato per più di una settimana e che ha il fine di consegnare specifiche richieste alla sede centrale delle Nazioni Unite".

Etichette: , , , ,

Iniziata la smobilitazione dei combattenti ribelli nel Nord Darfur

Il Commissario per gli Accordi di Sicurezza presso l'Autorità Regionale del Dafrur, Babiker Korena, ha detto che la smobilitazione di 200 combattenti del Movimento per la Giustizia Democratica e l'Uguaglianza (DJEM), guidato da Mohamed Ibrahim Azrag, è iniziata nella capitale del Nord Darfur, El-Fasher.

Korena ha sottolineato che il DJEM ha aderito al Documento di Doha per la Pace in Darfur (DDPD) insieme ad altre due fazioni del Movimento per la Liberazione del Sudan, guidati da Nur al-Dain Zorgi e Salih Adam Ishag.

Il Commissario, che ha incontrato i 200 combattenti al campo di addestramento militare nella zona di Jadid Al-Sail, a nord di El-Fasher, ha affermato che sono pronti ad accogliere il resto dei combattenti del Movimento per la Liberazione e la Giustizia (LJM) oltre a quelli appartenenti al gruppo ribelle guidato da Abdalla Gana.

http://www.sudantribune.com/spip.php?article59822

Etichette: , , , ,

martedì, agosto 02, 2016

Il Governo e l'opposizione trovano accordo sul Roadmap Agreement

La Presidenza del Sudan ha accolto con favore la disponibilità dell'opposizione del Sudan Gruppi di Call di firmare il Roadmap Agreement mediato dall'Unione Africana dicendo che è una "decisione saggia e razionale"

In un recente incontro tenutosi a Parigi, i gruppi di opposizione del Sudan Call hanno accettato di incontrare il Capo Mediatore dell'Unione Africana, Thabo Mbeki, per discutere le proprie riserve rispetto all'accordo prima di accettare di firmarlo.

In un discorso pronunciato a Kadugli, Capitale del travagliato Sud Kordofan, il Primo Vice Presidente, Bakri Hassan Salih, ha elogiato la decisione dell'opposizione. Secondo Salih, la firma del Roadmap Agreement aprirebbe la strada per il popolo sudanese di ritrovarsi e risolvere insieme i problemi del Paese.

Etichette: , , , ,

lunedì, agosto 01, 2016

Il NISS arresta leader degli sfollati interni accusati di fornire informazioni fuorvianti

Il Sudan's National Intelligence and Security Services (NISS) ha arrestato almeno 21 leader degli sfollati (IDP) nella località di Nirtiti, nello Stato del Darfur Centrale in seguito ad un incontro con l'Inviato Speciale degli Stati Uniti in Sudan e Sud Sudan, Donald Booth.

Il 26 luglio, l'Inviato degli Stati Uniti ha iniziato una visita negli Stati del Darfur per valutare la sicurezza e la situazione umanitaria sul terreno, in particolare nella zona di Jebel Marra.

Il Vice Presidente dell'Associazione degli Sfollati Interni e dei Rifugiati, Adam Abdalla Idris, ha detto ai media che il NISS sta ora facendo intensi sforzi per arrestare decine di leader degli sfollati interni dopo che hanno fornito a Booth informazioni fuorvianti relative alla sicurezza ed alla situazione umanitaria nella Regione, in particolare nelle aree intorno a Jebel Marra.

Etichette: , , , ,

mercoledì, luglio 27, 2016

Incontro tra il Governo del Nord Darfur e l'Inviato Speciale degli USA

Martedì, l'Inviato Speciale degli Stati Uniti per il Sudan e il Sud Sudan, Donald Booth, ha iniziato una visita di Stato nel Nord Darfur per valutare la sicurezza e la situazione umanitaria sul terreno, in particolare nella zona di Jebel Marra.

A El-Fasher, Booth ha discusso con il Vice Governatore del Nord Darfur, Mohamed Braima Hassab el-Nabi, e gli ufficiali militari e di sicurezza di alto livello di diverse questioni tra cui le condizioni degli sfollati interni e gli sforzi del Governo per raggiungere la sicurezza e la stabilità nella Regione.

In una conferenza stampa avvenuta dopo la riunione, Hassab el-Nabi ha comunicato di aver informato l'inviato degli Stati Uniti e la sua delegazione della situazione nello Stato del Nord Darfur e di aver chiesto loro di svolgere un lavoro "credibile e veritiero" nel riportare le informazioni.

http://www.sudantribune.com/spip.php?article59737

Etichette: , , , , ,

martedì, luglio 26, 2016

Ritorna la polizia nel Nord Darfur dopo 13 anni

Per la prima volta da quando è scoppiato il conflitto armato nella Regione, la polizia ha ristabilito, , la propria presenza nella località di Ambro, 350 km a nord ovest della capitale del Nord Darfur, El-Fasher, 

Dal 2003, l'esercito sudanese ha combattuto diversi movimenti armati del Darfur. Dopo tre mesi di aspri combattimenti a Jebel Marra, lo scorso aprile l'esercito ha dichiarato il Darfur libero dai ribelli. Tuttavia, i diversi gruppi ribelli hanno negato queste affermazioni.

Il Commissario della località di Ambro, Ali Ahmed al-Tahir, ha detto che il ritorno della polizia dopo 13 anni sottolinea che la situazione nella zona è stabile.


Etichette: , , , ,