Il blog di Italians for Darfur

giovedì, febbraio 28, 2013

Dieci anni di crisi in Darfur - "The Need for a New Approach" *

Riceviamo e pubblichiamo:

"Nelle ultime due settimane, il Sudan sta subendo le peggiori violazioni dei diritti umani da parte del governo. 
I leaders delle opposizioni che hanno firmato il New Dawn Charter sono trattenuti agli arresti. 
Gravi minacce alla sicurezza e arresti arbitrari di Cristiani, e la chiusura di chiese e centri Cristiani stanno avendo luogo in questi giorni. L'ultimo riguarda la chiusura del centro anglicano e del negozio di libri anglicano a Khartoum-Bahri tre giorni fa. 
Hanno arrestato alcuni dei medici che protestavano per la politica di privatizzazione dei servizi per la salute, nell'interesse economico del Congresso Nazionale, in un momento in cui i servizi sanitari stanno collassando per inefficienza e corruzione. 
Malumori e proteste si sono verificati anche nello stato di Gezira e nel Darfur durante la visita dei leaders del Congresso Nazionale. Mariam Awad, una attivista del movimento ribelle SPLM-N, è stata arrestata quando ha aderito alla protesta dei medici sudanesi. 
Continui bombardamenti degli sfollati nel Nilo Azzurro, Monti Nuba e Darfur  hanno determinato la morte e il ferimento di civili della regione dei Monti Nuba e del Nilo Azzurro, la settimana scorsa. 
Questo è avvenuto in occasione del decennale dell'inizio della crisi in Darfur, e il Peace Talk Forum viene disatteso da Khartoum ed è strumentalizzato per le pubbliche relazioni. Khartoum sta cercando di finanziare la trattativa a Doha per continuare il genocidio e la guerra in Darfur. [...]
Nel decimo anniversario della crisi in Darfur, è diventato apparentemente chiario che la soluzione per la crisi in Darfur può essere raggiunta solo quando si verificherà un cambio dalla vecchia linea politica di Khartoum a  nuove politiche basate sul rispetto dei diritti umani, pace e riconciliazione nazionale. [...]"

Yasir Arman
Secretary General, SPLM-N
February 27, 2013


Le opinioni e i punti di vista qui contenuti sono esclusivamente quelle dell'autore del comunicato e non rappresentano necessariamente quelle di Italians for Darfur.

.

Etichette: , ,